Fabbrica di sogni, deposito di incubi

Sogno (e incubo) nel cinema americano.

Postato il Aggiornato il

Non posso che cominciare da questa citazione di uno dei massimi studiosi di cinema americano (che ci ha lasciati troppo presto, alcuni anni fa), per cominciare a parlarvi del mio libro.

La citazione è tratta dal primo a sinistra dei due libri di cui sopra (che meriterebbero una ristampa), che ha la mia età. Un libro ricco di idee e riflessioni ancora attualissime.

“È, dopotutto, una caratteristica squisitamente americana la capacità di colorare una medesima ossessione con tinte diversissime, mascherando in tal modo il senso ultimo del proprio sogno-incubo che rimanda co­munque al presente”.

Franco La Polla, Il nuovo cinema americano, 1978