manassero

Il cinema di P.T. Anderson

Postato il

. T. Anderson è teso ad “assediare i margini della forma-film (…), fusione a freddo tra esigenza della forma e disordine stilistico, tra le neces­sità del vero e l’astrazione più surreale, tra mantenimento in vita dei modelli ‘classici’ e la frammentazione brusca degli spazi e dei modi del racconto”. Franco Marineo, “Il cinema del terzo millennio. Immaginari, nuove tecnologie, narrazioni”, 2014.

The Master (P.T. Anderson, 2012)

Lo scacco di Dodd. Quell lo affascina, rappresenta una sfida, ma per tutto il film rimane “un uomo libero, troppo folle o semplicemente trop­po ottuso per essere sedotto dalla filosofia di Dodd”. Roberto Manassero, “Paul Thomas Anderson. Frammenti di un discorso america­no”, 2015.