L’accettazione del destino secondo Chloé Zhao

Postato il

Il conflitto primario mes­so in scena da Chloé Zhao in “The Rider” è quello che “separa deside­rio e realtà” (Rudi Capra, recensione su Ondacinema). Nel percorso di accettazione del destino, si riflette qualcosa di essenzialmente orientale che appartiene all’identità culturale della regista.

“Tra i due momenti topici e tragici (l’eroe ferito dopo la battaglia e l’eroe del­la rinuncia del finale) non c’è nessuna epica: solo il lento aggiusta­mento ai ritmi della vita” (Alberto Morsiani, “Cavalcare il dolore”, Cineforum 588).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...