C’ERA UNA VOLTA IN AMERICA

E’, semplicemente, l’apologia senza tempo del sognatore.
Il sognatore è una tipologia umana, rara, non idonea a fare del mondo la propria terra di conquista – su nessuna scala. Il sognatore – idealista, perdente, idiota (…in senso myskiniano) – tiene fede alla propria visione della vita e dei personaggi che le hanno conferito un senso ai propri occhi. Finanche contro l’evidenza.
Il sognatore fa del mondo una terra di conquista interiore, secondo una logica in cui anche una sconfitta può rappresentare, in certi casi, una conquista. Le conquiste di chi agisce secondo una logica esteriore – aritmetica, oggettiva – sono spesso destinate a svanire, a esserci tolte nel tempo della vita (quella di Max è un’identità rubata; Noodles non gliene fornirsce altra, e Max resta senza volto); al contrario, le conquiste del sognatore sono destinate a rimanere eterne, anche se per l’eternità soggettiva di una vita. O, forse, solamente per quelle di un sogno, fatto sotto l’effetto dell’oppio.
Resta fisso un fermo immagine, un sorriso.

542_C_era_una_volta_in_America__iocero_2012_10_16_22_41_38_deniro

La colonna sonora di Morricone contribuisce in maniera determinante a veicolare la poetica di questo grandissimo romanzo (nel senso più classico e nobile del termine). E per questo, nella sua incredibile duttilità fra la più struggente malinconia e il vitalismo più dolce, è la colonna sonora più bella della storia del cinema.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...